LIVE

Wsj, Usa aprono indagine antitrust su big hi-tech - Il tunnel della discordia lungo 57,5 chilometri - Stuntman ferito sul set di Fast & Furious - Conte: 'La Tav si farà, non realizzarla costerebbe più che farla' - The Two Popes, ecco Pryce e Hopkins - Tour: A Ewan la 16ma tappa, Alaphilippe giallo - Oggi Forum ANSA, con il presidente del Coni Giovanni Malagò - Microsoft, ologrammi sono anche traduttori - Trasporti: confermati scioperi del 24 e 26 luglio - Aldo, Giovanni, Giacomo e i disguidi delle vacanze -
BANNER

Taranto

Inquinamento Taranto, Morgante: “Quadro allarmante, anche in assenza di dati certi”

Nota del consigliere regionale Luigi Morgante.
“L’audizione odierna in V Commissione dei vertici dell’Arpa Puglia e dell’Asl Taranto non ha permesso di avere una piena contezza e fare chiarezza sulla reale dimensione e quantificazione dell’impatto dell’inquinamento ambientale

Sulla salute delle persone nel capoluogo jonica in generale e nell’area adiacente lo stabilimento ormai ex Ilva (oggi di proprietà Arcelor Mittal) in particolare,anche se la ricaduta e la correlazione negative appaiono evidenti e purtroppo scontate. Ma ha evidenziato ancora una volta, dopo le ordinanze del sindaco di chiusura delle scuole in giornate particolarmente ventose e quindi pericolose, e le fondate preoccupazione dei residenti al quartiere Tamburi per i loro bambini e per se stessi, come l’attuale Governo nazionale sia chiamato al rispetto degli impegni assunti in campagna elettorale, e all’adozione di un piano straordinario per Taranto e per le aree maggiormente esposte all’inquinamento. Un piano che appare doveroso non solo per coerenza, e che vada ben oltre le risorse stanziate e annunciate, perché i dati ufficiali non potranno che confermare un quadro drammatico e che necessita di politiche e interventi radicalmente differenti e in netta discontinuità con il passato, remoto e recente”.